“Se vogliamo raggiungere una vera pace in questo mondo, dovremo incominciare dai bambini.”
Mahatma Gandhi

Iniziativa per la qualità e la sicurezza delle cure ospedaliere

Iniziativa per la qualità e la sicurezza delle cure ospedaliere:
Rimangono pochi giorni, ci date una mano?

Recentemente un gruppo di medici e personalità impegnate nel campo della sanità (di ambiti e orientamenti diversi) ha lanciato un’iniziativa con l'obiettivo di migliorare e uniformare i criteri di qualità e di sicurezza delle cure ospedaliere in Ticino.
Quando si tocca questo argomento l’Associazione Nascere Bene Ticino, pur essendo apolitica e apartitica, non può rimanere indifferente visto che la stragrande maggioranza delle ca. 3000 nascite in Ticino avviene proprio in un ospedale o in una clinica.
Rimane poco tempo (solo fino al 19 maggio!) per firmare questa iniziativa popolare.

PERCHE’ FIRMARE?

Le motivazioni generali del gruppo di promotori

  • La sanità deve offrire dei servizi accessibili, di qualità e in sicurezza a tutta la popolazione. Questi principi devono valere soprattutto per gli ospedali acuti, sia pubblici sia privati, inclusi nella pianificazione ospedaliera e che ricevono importanti finanziamenti dallo Stato.
  • La qualità delle cure e la sicurezza del paziente devono essere al centro del nostro interesse. Si stima che  4 - 5 pazienti ospedalizzati su 100 subiscano effetti avversi provocati dalle cure stesse, talvolta con conseguenze gravi.
  • Una migliore qualità e appropriatezza delle cure può contribuire a contenere i costi sanitari e quindi i premi di cassa malati.
    La verifica della qualità e dell’appropriatezza delle prestazioni riduce le complicanze, il consumo di antibiotici e altri farmaci e permette di contenere l’esubero.
  • La formazione del personale come pure buone condizioni di lavoro devono essere assicurate. In Svizzera si forma meno della metà del personale infermieristico necessario e molti più giovani vorrebbero intraprendere questa carriera ma, soprattutto a causa della penuria di posti di stage, non vengono ammessi. Questa situazione deve cambiare mediante l’impegno ad offrire sufficienti opportunità di formazione da parte di tutti gli ospedali e le cliniche finanziati dal cantone.

Le nostre motivazioni nel campo dell’ostetricia

A promuovere l’iniziativa ci sono anche alcune/i ginecologhe/i perché la sua approvazione dovrebbe permettere di migliorare le condizioni in cui si partorisce nel nostro cantone. Infatti, sarebbero applicati in tutte le maternità, pubbliche e private, gli stessi criteri di qualità con una probabile diminuzione del tasso di parti cesarei e di episiotomie quando non sono necessari. Inoltre dovrebbe sempre esserci un medico interno responsabile dell’applicazione di protocolli e standard di qualità, come pure del coordinamento fra le varie figure professionali coinvolte nel parto e nelle cure perinatali. Si potrebbero poi anche applicare in tutte le maternità, i criteri per la qualifica di “ospedale amico del bambino” già vincolanti nelle maternità EOC.

Per tutti questi motivi invitiamo i nostri membri e simpatizzanti a contribuire alla raccolta delle 7000 firme necessarie che dev’essere fatta entro il 19 maggio! Potete diffondere l’appello ai vostri contatti e scaricare, stampare, firmare e far firmare l’iniziativa. Ricordiamo che solo le/i cittadine/i svizzere/i, residenti in Ticino in uno stesso comune, possono sottoscrivere sullo stesso foglio.
La riuscita della raccolta non significa ancora l’approvazione della proposta, ma garantisce perlomeno che ci sarà un dibattito pubblico e che tutte le cittadine e i cittadini potranno esprimersi su questo argomento con il loro voto.